Combattere la desertificazione, disoccupazione e miseria creando nuove opportunità di lavoro, investimenti e regolando il flusso migratorio.
 
Inondare lo Chott El Jerid e trasformarlo in un vero e proprio mare, in pieno deserto del Sahara. Scavando un canale che, partendo a nord del golfo di Gabes, entri nello Chott e lo renda navigabile.
 
L’acqua del canale si riverserà nella totalità della pianura, allagandola completamente. Nelle zone in cui esso non si trova al di sotto del livello del mare, o non lo sia sufficientemente, si prevedono cantieri di scavo per permetterne l’allagamento e l’agibilità a fini di itticoltura, turismo, approntamento saline, laboratori marini.
L’obiettivo
La strategia
Il percorso
Come si realizza. Forza umana e bassa intensità tecnologica.
 

Ricorrere alla forza umana e alle capacità delle popolazioni locali, significa proporre lavoro a circa 60.000 (sessantamila) persone, che su un totale di dieci milioni di abitanti rappresenta una larga percentuale.
La forza umana è sia una sfida tecnica che sociale. Una sfida tecnica, perché usa le conoscenze e la materia locale. Una sfida sociale, in quanto a differenza di una turbina a vento, di un pannello solare o di un barile di petrolio, propone la forza di persone creando occupazione per i tunisini.
Capacità e conoscenza che sono un grande patrimonio di tecniche e pratiche,  cioè i saperi con cui gli uomini del deserto, delle terre aride, sono stati in grado di creare non solo condizioni di vita accettabili, ma anche grandi civiltà e culture.

Un esempio ne sono i mattoni di terra chiamati 'Banco': una ricetta di scarti di paglia e argilla, utilizzabile per creare mattoni, lasciandoli asciugare al sole.
Ne è testimonianza l’architettura del villaggio di Matmata in Tunisia, che con questo tipo di costruzioni riesce a mantenere temperate le abitazioni.
Questa sapienza millenaria offre ancora oggi una importante lezione sul corretto uso di ogni pur esigua risorse che l'ambiente del Sahara mette a disposizione.

Preparazione dei mattoni realizzati con fango e paglia

Costruzione a mattoni di fango e paglia a Matmata in Tunisia

|    HOME    |    IL PROGETTO    |    I VANTAGGI    |    LA STORIA    |    FATTIBILITÀ    |    CHI SIAMO    |    CONTATTI    |    FAQ    |

CO. RO. Lungotevere dei Mellini, 10 - 00193 Roma - C. F. 97800130581